L’«altra Calabria» di Stasi. Con Occhiuto e Abramo

Com’è noto, ieri circa 400 sindaci calabresi d’ogni appartenenza politica hanno manifestato a Roma contro il Governo presieduto da Giuseppe Conte, proprio davanti a Palazzo Chigi, invocando la revoca del decennale commissariamento governativo della sanità regionale, le cui finanze sono state depredate da amministratori e manager incapaci, corrotti e talvolta al servizio della ‘ndrangheta.

Due aziende sanitarie provinciali, infatti, sono state sciolte e tuttora sono commissariate per quest’ultimo motivo. Amministratori e manager incapaci, corrotti e ‘ndranghetisti che erano calabresi come i sindaci di ieri a Roma, molto spesso amici degli stessi sindaci o dei loro amici. LEGGI ARTICOLO COMPLETO

 

Stampa Email

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.